Giovani per la Pace sulle orme di don Milani

Direzione: Barbiana!

Giovani per la Pace a Barbiana: altri cento ragazzi in visita nei luoghi di don Lorenzo Milani

Don Milani negli anni Cinquanta cambiò l’idea di scuola: niente bocciature, niente voti, ma al primo posto i “ragazzi difficili”. Un successo educativo che ancora oggi ispira tanti che hanno a cuore i poveri e l’educazione.

Barbiana sentiero della costituzione don milani

Si è concluso il terzo pellegrinaggio dei Giovani per la Pace verso Barbiana, alla scoperta di don Lorenzo Milani. Quando nel 1954 viene mandato come parroco a Barbiana, praticamente nessuno sapeva niente di questo luogo: con i suoi 127 abitanti, niente luce, niente acqua, nessuna speranza né futuro per chi viveva lì. Don Lorenzo viene mandato tra quei monti perché il suo modo di pensare forse è troppo avanti per i suoi tempi, e non viene capito. Era un’Italia in conflitto, ma lui non aveva nemici e il suo andare incontro ai lontani è troppo per chi temeva il confronto.
Quando arriva a Barbiana, nessuno crede che potrà fare alcuna differenza, perché chiunque passasse di lì, scappava più in fretta che poteva, ma Don Milani aveva un’altra idea per quel luogo. Appena arrivato compra un terreno per la sua tomba, ha deciso che quella sarà la sua casa; alla madre preoccupata di questa sua scelta scrive:

quote

“La grandezza d’una vita non si misura dalla grandezza del luogo in cui si è svolta, ma da tutt’altre cose. E neanche la possibilità di far del ben si misura dal numero di parrocchiani.”

don Milani

È da questo pensiero rivoluzionario su quella periferia dimenticata da tutti, che nasce la Scuola Popolare di don Milani. Infatti tra le campagne di Barbiana lavorava anche qualche bambino. Troppo lontani fisicamente e culturalmente da una scuola per poterci andare, i bambini venivano cresciuti lavorando nei campi per sostenere la famiglia. Per Don Lorenzo questo è inconcepibile, la sua missione diventa quella di dare una possibilità a quei ragazzi, e così cercandoli casa per casa comincia ad invitarli alla sua scuola.  Convincere le famiglie era difficile, rinunciare a due braccia per lavorare.. per cosa poi? Per far frequentare ai figli una scuola che mai li avrebbe salvati dalla loro mancanza di futuro? Don Lorenzo però propone una scuola diversa; una scuola dove “si parla di tutto”, della vita vera. Si impone di rompere vecchi schemi e tradizioni, formando nei ragazzi una coscienza critica; apre per loro un laboratorio per imparare lavori manuali e costruisce una piscina. Si studia la costituzione, la storia, la società. Una scuola a tempo pieno, senza feste o ricreazioni, perché per nessuno è un peso andarci; l’alternativa è il lavoro nei campi o nelle stalle. Lucio che aveva 36 mucche nella stalla disse: La scuola sarà sempre meglio della merda.

schermata-2017-10-24-alle-13-04-39

E a partire da quei primi 6 bambini, la scuola popolare arrivò fino a 40, dove don Milani insegnava ai più grandi, che, a loro volta insegnavano ai più piccoli.
Era la scuola dei poveri, dei piccoli, dei dimenticati, dove al centro non c’erano i più bravi ma chi aveva più difficoltà, dove si dava voce ai poveri attraverso la cultura.

quote

“Su una parete della nostra scuola c’è scritto grande «I CARE». È Il motto intraducibile dei giovani americani migliori. «Me ne importa, mi sta a cuore». È il contrario esatto del motto fascista «Me ne frego» – Lettera a una professoressa

 

schermata-2017-10-24-alle-13-00-16

 

Ci piace pensare che questa scuola assomigli molto alle nostre Scuole della Pace, e forse ancora troppo poco alla scuola di oggi, dove l’avanzamento del programma segue il più bravo e si dimentica dell’ultimo. Proprio come Barbiana, molti sono i quartieri delle nostre città dimenticati da tutti, dove i bambini vengono abbandonati a loro stessi, e per i quali nessuno pensa ad un futuro migliore. È qui che nascono e prendono vita Scuole della Pace, dove i  giovani per la pace si occupano dei più piccoli, dei più poveri, della cultura.
Questo pellegrinaggio verso Barbiana ci ispira così come Don Milani ancora oggi rimane un punto di riferimento per chi insegna ma anche per chi ha a cuore i più piccoli ed i più deboli, e vuole gridare ancora forte in questo mondo I CARE!

da Roma e Frosinone

giovani pace barbiana don milani comunità sant'egidio volontariato

dal Triveneto

giovani pace barbiana don milani comunità sant'egidio volontariato

da Genova e Pavia

giovani pace barbiana don milani comunità sant'egidio volontariato

Tags:

CONTATTACI

Serve aiuto? Inviaci una email. Ti risponderemo il prima possibile.

Sending

©2017 LG-Design.it a theme from LG-Design

Shares
Share This

Diffondi la pace

Condividi questo articolo con i tuoi amici !

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati