“Piazza pulita” dei pregiudizi

image2Piazza Bologna, una mattina d’estate. Una quindicina di ragazzi ventenni eritrei, ospiti del centro Baobab di via Cupa si ritrovano con tanti giovani e studenti universitari del quartiere per passare una mattinata diversa.
I passanti guardano incuriositi, sicuramente ciò che notano è insolito. Infatti armati di rastrelli e palette concessi gentilmente dall’AMA, europei e nuovi europei, come una cosa sola, puliscono la piazza dallo sporco, bottiglie, bicchieri da cocktail. È un gesto concreto per il quartiere.

Lavorare insieme crea legami, ci capiamo al volo nel gestire le cose da fare. Insieme raccogliamo una quindicina di sacchi neri di immondizia e, una volta finito, decidiamo di andare insieme a villa Torlonia. Sulla strada, anche se con difficoltà, cerchiamo di comunicare (solo Laga, il più grande, parla inglese e traduce per gli altri in tigrino). Una cosa che si rivela utile è la cartina dell’Africa mostrata sul cellulare. Su di essa cercano di spiegarci che viaggio hanno fatto, da dove vengono, dove sono i fratelli e le mamme. Qualcuno li va a raggiungere in Europa, alcuni ci raccontano che i propri parenti non hanno visto l’Europa a causa del terrorismo del Daesh.
Dopodiché ci separiamo, ognuno torna a casa, chi alla sua, chi al Baobab, ma è nata l’amicizia di chi si chiama per nome e di chi vuol bene alla città.
È bello pensare che il bicchiere sporco lasciato a terra sia stato raccolto dal senso civico di un migrante come Thomas, dall’Eritrea. Lo ha fatto senza rimprovero né vanto: solo un gesto semplice di civiltà e un segno di buona convivenza che è sempre possibile!

di Michele Mastropietro
image1

Tags:

CONTATTACI

Serve aiuto? Inviaci una email. Ti risponderemo il prima possibile.

Sending

©2017 LG-Design.it a theme from LG-Design

Shares
Share This

Diffondi la pace

Condividi questo articolo con i tuoi amici !

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati