Categoria: Solidarietà

A gonfie vele

A gonfie vele

Una barca, un cristiano e un musulmano insieme per affrontare il mare. Una seconda volta.  Due migranti, due nuovi europei, due giovani per la pace, Elias e Muhammad che vogliono dimostrare che il nostro mare, il mediterraneo è un mare di pace, di sport e di bellezza e non deve più essere il luogo dove affrontare una prova dove per tanti l’esito è la morte.  Elias e Muhammad, a bordo di “ottovolante” stanno partecipando ai mondiali di vela di Barcellona, insieme ad un meraviglioso team di italiani. Noi sogniamo la vittoria, ma sicuramente accettando questa sfida dopo essere arrivati vivi in Italia nella loro “prima” traversata con un barcone, fuggendo da storie da troppi dimenticate, hanno vinto la paura, restituendo a tanti il mare, il suo senso più profondo che è la sua bellezza. In bocca al lupo ragazzi!

Continua la lettura

Festa a Casoria tra nuovi europei e GxP di Napoli

Festa a Casoria tra nuovi europei e GxP di Napoli

Ad aprile é arrivato in Italia un barcone, di quelli che partono carichi di speranza, quella che il mare ruba e dona. Ieri i Giovani per la Pace di Napoli hanno incontrato una parte di quel barcone, una parte di quelle vite giovani che ce l’ hanno fatta, un gruppo di ragazzi minorenni che dopo quattro mesi di viaggio e di lotta alla sopravvivenza hanno ritrovato quell’attimo di pace. Ci siamo incontrati a Casoria, dove momentaneamente vivono, per fare festa, per conoscere ed accogliere. Siamo andati lì con l’ idea di portare entusiasmo ed allegria, siamo tornati a casa con una lezione di felicità. Parlavamo tre lingue diverse, nessuno conosceva bene quella dell’ altro, ma il messaggio dell’ amicizia e della gioia é arrivato forte e chiaro, forse perché il linguaggio della pace non conosce limiti se passa da cuore a cuore. Abbiamo giocato, ballato, cantato a modo nostro e a modo loro. Abbiamo sorriso e annuito scambiandoci gratitudine. Abbiamo guardato negli occhi ragazzi che hanno viaggiato a lungo, che hanno lottato a lungo, soffrendo la fame, la sete e la prigione, per il desiderio di vivere. Abbiamo guardato in occhi che ci hanno messo allegria, perché hanno vinto la minaccia di morte della loro terra. Eravamo increduli perché in tutta quella forza ed energia non si distinguevano i segni di una battaglia così grande. Ieri abbiamo vissuto l’ immagine di un mondo che desideriamo e che crediamo possibile. Oggi e sempre speriamo che ogni parte del mondo allarghi le sue braccia per accogliere la vita di ognuno.   Articolo scritto da Francesca Sepe

Continua la lettura

Fare beneficenza non basta – sulle parole di papa Francesco

Fare beneficenza non basta - sulle parole di papa Francesco

Occorre rispondere alla domanda di solidarietà di chi ha bisogno di aiuto e di chi vuole reagire alla corruzione e abbracciare i problemi della propria città e del mondo. Occorre non sentirsi più fragili di chi è fragile veramente e chiede il nostro aiuto. Le parole di papa Francesco ci incoraggiano, perché non vanno al ribasso dei valori umani come le parole di alcuni, ma perché provengono dal Vangelo della povertà.

Continua la lettura

#700NonSoloUnNumero La nostra Lampedusa

#700NonSoloUnNumero La nostra Lampedusa

In un palazzo vicino al nostro campo rom, abbiamo saputo che sono arrivati tanti giovani rifugiati provenienti dagli ultimi sbarchi in Sicilia. Con gli altri giovani per la pace siamo andati a trovarli. Non ci andava di fare il solito pic nic del primo maggio con fave e pecorino come si usa a Roma, così abbiamo deciso di rendere questo giorno ancora più speciale. Noi giovani per la pace di tor bella monaca abbiamo passato la festa dei lavoratori (ma anche la festa di noi che siamo in cerca di lavoro), donando un sorriso, un pasto e una bottiglia d acqua a chi è nostro vicino di casa solo per pochi giorni. “Quando siamo arrivati li non ci aspettavamo di vedere così tanta gente, tanti ragazzi ,tante donne e bambini.Le loro espressioni erano tristi in cerca di qualcosa : di un futuro migliore! Avevano fame e avevano sete e noi nei loro confronti ci sentivamo in debito, perché noi abbiamo il necessario per vivere e a loro invece manca tutto. Noi vogliamo essere veri Giovani per la Pace, che invece di lamentarsi dei propri problemi, si danno da fare per cambiare il mondo!”. Daniele, Giuliano, Carlos, Daniel e Giulia

Continua la lettura

Per non dimenticare chi perde la vita nei viaggi della speranza

Per non dimenticare chi perde la vita nei viaggi della speranza

Barcellona P.G (Me).- La Comunità di Sant’Egidio e i Giovani per la Pace di Barcellona P.G , Sabato 2 Maggio hanno commemorato con la preghiera e gettato in mare dei fiori, quanti perdono la vita durante il “viaggio della speranza” verso l’Europa,ricordando in particolare le vittime del naufragio del 18 Aprile, e quanti vengono perseguitati a causa della propria fede.- “Non si ripeta più,per favore” (Papa Francesco)  

Continua la lettura

Un pranzo e un incontro … fuori dagli schemi

Un pranzo e un incontro ... fuori dagli schemi

Cristiana ha preso parte al pranzo che i Giovani per la Pace di Treviso hanno fatto con i rifugiati sabato 25 aprile. Condividiamo il suo racconto. Io sono Cristiana, sono venuta al pranzo per i profughi sabato ed è stata un bellissima esperienza! Io ero seduta vicino a Essen, del Pakistan, e lui ad un certo punto mi ha mostrato una fotografia dal cellulare in cui c’erano lui e la sua famiglia… Poi ha iniziato spontaneamente a raccontarmi la sua storia e, anche se non ho capito bene tutto quello che ha raccontato, mi ha colpita molto e per questo poi ho scritto questo racconto… … Ci sono persone che fanno parte della tua vita da quando nasci a quando muori, e non la cambiano minimamente. Stanno sullo sfondo, sempre lì, tanto che con il tempo ti abitui a vederle vicino a te, sai sempre dove sono quando vuoi stare o non vuoi stare con loro. Poi ci sono le persone che entrano ad un certo punto, o che restano qualche anno e poi se ne vanno; ma anche loro, per tutto il tempo che passano sul palcoscenico delle tue giornate, hanno un posto fisso da cui recitare la loro parte. E poi c’è Essen, che sale quando il sipario è già alzato e non ha un copione da recitare. Arriva con un’espressione confusa e con passo quasi esitante. È solo un ragazzo, un ragazzo timido e curioso che saluta il pubblico con lo sguardo di un vecchio e il sorriso di un bambino. Ma non ha battute pronte per cambiare il tuo spettacolo: tutto ciò che era stato progettato per lui è andato all’aria. Il suo ruolo è stato dimenticato, il personaggio è stato cancellato, le battute che avrebbe dovuto recitare non servono più. Gli hanno detto che se ne deve andare, che ormai è inutile. Essen ha bisogno di un posto, però. Non può improvvisare. È sempre stato bravo con le parole, un maestro nell’arte del divertire la gente. Ma questo pubblico non parla la sua lingua. Questo pubblico non ha voglia di ridere, non capisce cosa ci faccia un attore così diverso dagli altri su quel palco rimasto vuoto. Le lampade sono spente, ora c’è solo una fioca luce che illumina quell’angolo di palco in cui un attore fallito non riesce ad esprimere i suoi sentimenti. Poi, nel silenzio, si alza chiara e decisa la voce di Essen. Non parla la sua lingua, nemmeno quella del pubblico: parla la lingua degli uomini, parole che ognuno può capire e che sono così difficili da pronunciare, così dure da ascoltare. Le luci si alzano sulla scenografia dipinta a colori nostalgici, un lago azzurro, una spiaggia bianca; un uomo con una candida veste, in contrasto con il colore scuro della pelle, abbraccia tenamente quattro ragazzini vestiti di nero. La scena rimane un attimo sospesa nel silenzio, gli ultimi secondi per ricordare quelle vite che stanno per essere cambiate, rovinate, distrutte. Essen non ha un copione, ma ha una storia...

Continua la lettura

Accendiamo i nostri cuori

Accendiamo i nostri cuori

Basterebbe la testimonianza di Alì, giovane del Mali sopravvissuto ad una delle tante stragi del Mediterraneo, per esprimere il senso della fiaccolata di ieri.  Le ingiustizie subite durante il viaggio nel deserto, in Libia e nell’estremo tentativo di raggiungere l’Italia..si estremo perché lui non voleva partire, sperava ancora di trovare un futuro sereno in Africa. Ma la guerra, la povertà e la barbara uccisione di un suo caro amico in Libia l’hanno convinto che l’unico modo per ricominciare a sperare era raggiungere l’Europa. Il racconto di Alì e di tanti altri che sono stati costretti ad abbandonare la propria terra deve far riflettere ognuno di noi per tutti i giorni che ci lamentiamo delle nostre condizioni, dei problemi( se pur veri) che attanagliano la nostra città e non la fanno respirare,pensare che una soluzione è possibile se cominciamo a voltarci verso l’altro invece di guardare solo all’ abisso del nostro Io.

Continua la lettura

#700NonSoloUnNumero

#700NonSoloUnNumero

Avete mai contato fino a 700?Una pratica strana, sì, ma necessaria adesso. Io faccio scorrere i numeri dietro ai miei occhi, così veloci che quasi non li percepisco.Oggi cercherò di andare più piano.Avete mai visualizzato il volto di una persona?Anche le facce dei nostri cari sfumano bombardate dalla tempesta di pensieri che corrono nella nostra mente.Siamo capaci di associare ad ogni numero, fino a 700, un volto di un persona, dedicargli 1 minuto, volendogli bene anche per meno?Quanto ci metteremmo se lo facessimo?Forse il tempo che la Guardia Costiera impiegherà per raccogliere i tanti (troppi) migranti nelle acque del canale di Sicilia che ieri notte (19 aprile) sono morti annegati perché il loro peschereccio si è capovolto e loro non sapevano nuotare.Magari 700 minuti, 700 anime, per un cuore solo sono troppe, quindi VI CHIEDO UN AIUTO!Io adotto un numero. Per un minuto, io dico 1. Lo amerò, gli vorrò bene, gli dirò addio. Lo stringerò a me e vivrà per sempre dentro di me. Chi di voi adotterà il prossimo?Scrivete qui sotto il numero (simbolo della persona che non c’è più) che adottate e che penserete per un minuto, e chiedete chi adotterà il numero successivo al vostro.Riusciremo ad arrivare a 700? Alessia Codato Padova  

Continua la lettura

Una domenica con Elisa

Una domenica con Elisa

Domenica 8 Marzo, giornata internazionale della donna, i Giovani per la Pace di Napoli hanno partecipato alla Liturgia per Elisa nella Parrocchia del Sacro Cuore, che ha ospitato la Comunità in questo giorno importante. Così come una famiglia fa celebrare la messa per i suoi cari defunti, noi abbiamo ricordato i nostri amici di strada conosciuti dal ’97, anno nel quale morì la prima amica ad averci lasciato, una donna, Elisa Cariota. Sono stati ricordati i nomi di più di 200 persone incontrate, conosciute, amate e morte nelle strade di Napoli, accendendo una candela per ognuno di loro. Nomi italiani, stranieri, di giovani e di anziani, di donne e bambini. Per ogni nome un volto, un sorriso, una stretta di mano, una grande storia di amicizia. Il nome. La cosa più scontata di tutte, la prima cosa che ci attribuiscono quando nasciamo, quella che ci da un posto nel mondo. Dire i nomi dei nostri amici è stato un gesto catartico che ci ha ricordato il nostro impegno a non dimenticare nessuno, a far sì che nessuno diventi uno scarto. Ci ha ricordato che la nostra responsabilità è quella di cambiare il mondo, sconfiggendo le regole del mercato, dove quello che vale è l’economia, la convenienza, la produttività e il ricavo. In questo mondo in cui tutti gli stimoli esterni ci spingono a pensare a noi stessi, a risolvere i nostri problemi e a non curarci del prossimo, a meno che non abbia qualcosa in cambio da offrirci, la nostra missione è quella di ritagliare un posto per chi è malato, anziano, povero. Dobbiamo sconfiggere questo modo di concepire la vita dove si perde il senso della gratuitá, della generosità, della solidarietà e ricordare a tutti coloro che ci circondano che ogni vita ha un valore per il semplice fatto che è vita. E se questa concezione è diventata normale per il mondo, allora dobbiamo armarci di tutta la nostra energia per stravolgere la concezione stessa di normalità. Dobbiamo farlo perché e una normalità che rende la vita amara, insipida. Durante la liturgia, nella Chiesa erano giá pronti i tavoli per il pranzo con i nostri amici di strada. Tavoli che sono il contrario del mercato, sono l’immagine della gratuità, della fraternità e della solidarietà tra gli uomini, via di salvezza da una vita arida e priva di contenuti. Le bellezza del pranzo e della collaborazione con le persone della parrocchia che ci ha ospitato ci ha ricordato che nessuno basta a se stesso, che tutti abbiamo bisogno gli uni degli altri, ma soprattutto che nessuno e così povero da non poter aiutare una altro povero. Ci siamo resi conto di quanto sia fondamentale la presenza di sempre più uomini e donne che difendano la vita dei poveri, in un tempo in cui ci si difende da chi è debole, in un tempo in cui si preferisce non vedere le debolezze degli altri, così da nascondere anche le proprie. Al contrario, esperienze come questa dovrebbero ricordare a tutti noi...

Continua la lettura

CONTATTACI

Scrivici qui e ti rispondiamo per mail nel minor tempo possibile! Giovani per la Pace

Sending

©2022 LG-Design.it a theme from LG-Design

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati