Categoria: Musica e cultura

#2librialmese Ciò che inferno non è. Di Alessandro D’Avenia

#2librialmese Ciò che inferno non è. Di Alessandro D'Avenia

“Ciò che inferno non è” è un romanzo, ma il protagonista, un giovane liceale di Palermo, incontra una persona vera, e la sua vita cambia. La persona vera è Padre Pino Puglisi, da alcuni conosciuto come 3P, prete ucciso dalla mafia nel 1993, e proclamato beato da Papa Francesco. L’incontro con 3P lo porta a incontrare la periferia di Palermo, il quartiere di Brancaccio, una realtà sconosciuta, difficile, ma affascinante; e a Brancaccio si incontra la vita, i bambini vittime della violenza e assoldati dalla mafia, che hanno bisogno di aiuto. Un bel romanzo, in cui c’è tanto dei Giovani per la Pace, e un bel modo di iniziare a conoscere Padre Puglisi, un vero amico di Gesù e dei poveri, che ci aiuta a capire come anche nell’inferno, c’è sempre qualcosa “che inferno non è”.

Continua la lettura

#FilmAdvisor Oggi vi consigliamo “12” (2008)

#FilmAdvisor Oggi vi consigliamo

Oggi vi consigliamo un film imperdibile del regista russo Nikita Mikhalkov. Un ragazzo ceceno, accusato di aver ucciso il padre adottivo, ex ufficiale dell’esercito russo. Dodici giurati chiusi in una scuola a deciderne il destino. Dovrebbe essere una scelta facile, ma non tutti se la sentono di decidere in cinque minuti il destino di un giovane, così veniamo trascinati in un grande ritratto della Russia contemporanea, raccontata attraverso i volti e le storie dei giurati. Sullo sfondo, i flashback del giovane imputato in una terra, la Cecenia, martoriata dalla violenza. Lo stile è quasi teatrale, con delle interpretazioni forti, coinvolgenti e capaci di tenere accesa la vostra attenzione anche alla seconda o alla terza visione dell’opera (presente!). Candidato nel 2008 all’Oscar come miglior film straniero, il film non è solo emozionante, non è solo un ritratto della Russia, dei Moscoviti, né un racconto della questione cecena, ma – a chiunque sia disposto ad ascoltarlo – il regista pone una domanda sui limiti della giustizia umana (o dell’uomo onesto). Vi lascio il trailer, ma se volete un consiglio, saltatelo e andate a vedere il film!

Continua la lettura

#2librialmese I santi vanno all’inferno. Di Gilbert Cesbron

#2librialmese I santi vanno all'inferno. Di Gilbert Cesbron

La domenica non è ancora finita. Ecco il nostro consiglio settimanale per la campagna #2librialmese. Buona lettura! I santi vanno all’inferno di Gilbert Cesbron è un grande romanzo scritto con delicatezza e passione. Una storia avvincente, che apre gli orizzonti delle periferie urbane e umane. Si narra, con accenti suggestivi, la storia dei preti operai, che tra il 1944 e il 1954 scelsero di vivere nelle periferie  e lavorare nelle fabbriche di Parigi.Sono “i santi” che volontariamente “vanno all’inferno”. Il romanzo, pubblicato in Francia nel 1952, vendette più di un milione e mezzo di copie. Nel mondo globalizzato non esiste più un centro e la periferia è il banco di prova per la convivenza umana. E’ la grande questione di papa Francesco. I Santi vanno all’Inferno è per questo di stringente attualità. “Viene da chiedersi – scrive Andrea Riccardi nel suo Commento – se in questa nuova stagione globale, di fronte alle grandi periferie del mondo, ci sono o ci saranno donne e uomini, a loro modo ‘santi’, capaci di vivere negli ‘inferni’ di oggi e di sperare in un riscatto”.

Continua la lettura

Presentazione del libro “I bambini della notte” #2librialmese

Presentazione del libro

Per coloro che sono a Roma. Un appuntamento da non perdere domani pomeriggio presso la Basilica di San Bartolomeo all’Isola Tiberina. La presentazione del bel libro “I bambini della notte” di Mariapia Bonanate e Francesco Bevilacqua. Il libro è molto bello. I relatori d’eccezione. Non mancate. Obbiettivo chiaro: #2librialmese.

Continua la lettura

#2librialmese La Sorpresa di Papa Francesco

#2librialmese La Sorpresa di Papa Francesco

Come ogni domenica torna la nostra rubrica #2librialmese. Il consiglio di questa settimana ci viene dal neo eletto presidente della repubblica Sergio Mattarella, a cui facciamo tanti auguri per il nuovo incarico. In un servizio al Tg1 di oggi delle 13.30 il figlio del Presidente ha detto che il padre ama molto leggere (quindi condividerà la nostra campagna), e che l’ultimo libro che ha sul comodino è un libro di Andrea Riccardi su Papa Francesco. Molto probabilmente si tratta de “La Sorpresa di Papa Francesco”. Un saggio uscito poco dopo l’elezione del Papa che analizza il grande cambiamento introdotto da questa elezione. Un bellissimo libro. Ecco il nostro consiglio di questa settimana. Buona lettura, e non dimenticati di condividere questo post.

Continua la lettura

#2librialmese La resistenza silenziosa

#2librialmese La resistenza silenziosa

Il 16 ottobre 1943 gli ebrei romani furono arrestati dai nazisti e deportati ad Auschwitz: piu di mille, uomini, donne, bambini e anziani, persero la vita nel famigerato campo della morte. Fino alla liberazione della città, il 4 giugno 1944, altre centinaia di ebrei furono arrestati e deportati. Coloro che sfuggirono alla morte vissero i mesi successivi nascondendosi e fuggendo dai nazisti e dagli italiani collaborazionisti di Saló. Questo libro racconta le loro storie attraverso le testimonianze dirette di chi ha vissuto quel tragico periodo, aperto dalle leggi razziste del 1938, che hanno preparato la strada alle deportazioni. I protagonisti delle storie raccontate sono, all’epoca, ragazzi, poco più che adolescenti. Sono scampati a volte per caso, a volte perché la solidarietà e l’amicizia dei loro concittadini – spesso dei religiosi – sono state più forti della paura delle rappresaglie. I loro ricordi, che pacatamente intrecciano insieme eventi drammatici e piccole vicende della vita quotidiana, testimonianze dai campi di sterminio e vivaci ritratti del popolo del Portico d’Ottavia, sono consegnati ai giovani di oggi perché non si perda la memoria del più grave crimine contro l’umanità e perché la tragedia non si ripeta.

Continua la lettura

#2librialmese Ulisse da Baghdad

#2librialmese Ulisse da Baghdad

Come ogni domenica continua la nostra rubrica #2librialmese. Il libro di questa settimana è Ulisse di Baghdad, scritto da Eric Emmanuel Schmitt e edito da E/O. Si tratta di una splendida poesia in prosa. Racconta la storia di Saad, novello Ulisse, in fuga da un paese senza futuro per inseguire un sogno. l’odissea di un profugo in fuga dall’Iraq, la speranza di una vita migliore, la tristezza dei tanti lasciati alle spalle. Un libro per chi preferisce abbattere più che costruire muri. una splendida lezione di coraggio e umanità: “Papà, chi è il barbaro? Quello che io considero inferiore o quello che considera se stesso superore?”. Buona lettura

Continua la lettura

Il coraggio di dire NO

Il coraggio di dire NO

Francesco di Palma ha scritto il bel libro su Floribert Bwana Chui, ucciso nel 2007 perché si è rifiutato di accettare di farsi corrompere per far passare delle partite di cibo avariato che avrebbe nuociuto alla popolazione di Goma, nella Repubblica Democratica del Congno. Il libro si intitola “Il prezzo di due mani pulite“. Ieri in occasione della presentazione del libro abbiamo intervistato l’autore. Ecco il testo dell’intervista. Come la storia di Floribert può essere d’esempio anche per la società italiana? La storia di Floribert è una storia profondamente radicata in un contesto specifico, in un contesto africano, in particolare congolese. Floribert si pensava come congolese, come africano, e in fondo sognava un riscatto per il Congo e per l’Africa. Detto il suo radicamento, va però anche detto che la sua vita, il suo saper dire no a un materialismo invadente, a una sete di denaro che diventa qualcosa che ti ruba il cuore e la mente, tutto questo diventa un segno e in fondo un modello che parla al nostro mondo europeo. Se anche noi non conosciamo quella realtà violenta e tante volte sfigurata, che è il Congo, possiamo però dire che c’è una realtà arida, una realtà spietata china sul denaro, che tante volte è anche quella di noi europei. In questo contesto l’esempio di Floribert che sceglie la vita e non il denaro, che sceglie i poveri e non il guadagnarci sopra, mi sembra che anche pensando agli esempi recenti di Mafia Capitale, può essere qualcosa che ci fa riflettere e ci aiuta a scegliere per il meglio. Com’è ora la situazione in Congo? Il Congo di Floribert era un Congo appena uscito dalla guerra civile, dalle due guerre che l’avevano insanguinato. Oggi la situazione è differente per quello che riguarda il Paese: l’ovest è più pacificato, purtroppo in Kivu ci sono ancora diversi scontri; sono soprattutto milizie, ribelli che cercano di trovare notorietà o di guadagnare qualche cosa in un’opera di guerriglia, di predazione, di banditismo e questo è qualcosa che ancora va superato. D’altra parte il Congo deve ancora ricostruirsi come società più attenta agli ultimi, più attenta a tutti e di vincere quella che è la grande sfida, quella della corruzione, di grandissimi divari sociali ed economiche; un nuovo Congo che affronta sfide non belliche, ma che affronta la sfida di una società che sia più a misura d’uomo, più attenta all’uomo. Quale messaggio vuole lanciare a tutte quelle persone che si sentono sfiduciate dalla corruzione dilagante in Italia? Io non vorrei lanciare messaggi, quello che posso fare è proporre questa testimonianza di Floribert; come è stato detto oggi alla presentazione il mondo oggi è tentato dal vittimismo, dalla rassegnazione; è una tentazione che c’è in ognuno di noi ed è la reazione più facile di fronte a qualcosa che non va bene. In fondo Floribert ci insegna che c’è un grande spazio per la testimonianza personale, per le scelte personali, per un azione e un modo di agire che siano un segno...

Continua la lettura

Presentazione del libro “Il prezzo di due mani pulite” #2librialmese

Presentazione del libro

Oggi non è domenica, ma anche se fuori programma continua la nostra campagna #2librialmese con molto di più di un post. Questa sera alle 18.00 presso la Basilica di S.Bartolomeo all’Isola, P.zza di S.Bartolomeo 22 a Roma, verrà presentato il bel libro di Francesco De Palma: “Il prezzo di due mani pulite” sulla vicenda di Floribert Bwana Chui. Giovane della Comunità di Sant’Egidio ucciso per non aver ceduto alla corruzione. Non diciamo nulla di più adesso sul bel libro, ma alcuni GxP andranno alla presentazione e ci permetteranno di seguire l’evento attraverso un livetweet dall’account twitter @gxlapace a partire dalle 18.00. Hashtag #gxplive

Continua la lettura

#2librialmese

#2librialmese

Ci sono tanti modi per rendere migliore il mondo, e per costruire la pace. Ci sono tanti modi per contrastare il razzismo, il disprezzo, il terrorismo. Uno di questi è la cultura. Combattere l’ignoranza, le semplificazioni che portano sempre gli uomini a scontrarsi, capire quello che succede, conoscere i problemi, per non reagire sempre guidati dall’istinto, come le bestie. Proprio per questo c’è bisogno di leggere di più. Secondo il rapporto Istat sulla produzione e la lettura di libri in Italia nel 2013 i lettori sono diminuiti rispetto al 2012, passando dal 46 per cento al 43 per cento della popolazione. Chi legge non più di tre libri l’anno è circa la metà dei 24 milioni di lettori. Di questi, coloro che leggono almeno un libro al mese, cioè i cosiddetti lettori forti, sono solo il 13,9 per cento. Dunque, il 57 per cento degli italiani non legge libri. SI CAPISCONO TANTE COSE!!! Per questo i Giovani per la Pace lanciano la campagna #2librialmese per incoraggiare i lettori del nostro blog a divenire anche lettori di libri. Non lettori forti (+ di 1 libro al mese), ma lettori fortissimi.  Vi daremo una mano. Ogni domenica, a partire da questa, il nostro blog consiglierà un libro, che ci è piaciuto, che ci aiuti a entrare in un problema, che ci appassioni. Chiaramente ci fa molto piacere ricevere suggerimenti. Quale è il vostro libro preferito? Quello che consigliereste a tutti? Scrivete alla nostra email allegando una breve recensione. Potrebbe essere il libro consigliato domenica prossima. Iniziamo dal primo consiglio. Papa Francesco ha parlato molto, ultimamente, delle Scuole della Pace, anche il primo gennaio dalla finestra di San Pietro, dicendo di continuare ad educare alla pace i bambini. Per questo consigliamo a tutti la lettura di “Lettera a una professoressa” scritto dagli alunni della scuola di Barbiana, sotto la guida del grande educatore Don Lorenzo Milani.   Perché non è giusto bocciare? Perché la scuola non dovrebbe “fare parti uguali tra disuguali”. Perché lo studio è considerato una noia, quando è l’opportunità principale per una vita migliore? Come si fa ad educare alla pace? La risposta a queste e altre domande in poche pagine, ma molto avvincenti, scritte da dei poveri ragazzi, ma piene di sapienza. Buona lettura!

Continua la lettura

St. Vincent

St. Vincent

DATA USCITA: 18 dicembre 2014 GENERE: Commedia ANNO: 2014 REGIA: Theodore Melfi SCENEGGIATURA: Theodore Melfi ATTORI: Bill Murray, Naomi Watts, Melissa McCarthy,JaedenLieberher, Chris O’Dowd, Terrence Howard,Scott Adsit, Lenny Venito, Kimberly Quinn, Katharina Damm FOTOGRAFIA: John Lindley MONTAGGIO: Sarah Flack PRODUZIONE: Chernin Entertainment, Crescendo Productions, The Weinstein Company DISTRIBUZIONE: Eagle PICTURES PAESE: USA DURATA: 102 Min     Vincent, un ex militare ubriacone, giocatore d’azzardo e frequentatore di prostitute, è costretto a badare a Oliver, figlio dodicenne della sua nuova vicina, la mamma single Maggie. Le idee di doposcuola di Vincent includono ippodromi e strip club, ma alla fine la strana coppia incomincia ad aiutarsi a vicenda e il ragazzo scoprirà cose sorprendenti che non sapeva sul conto di Vincent. Questa vicenda può sembrare scontata, e forse è così. Ma da questo film si possono trarre alcuni spunti di riflessione sulla “santità” di Vicent.  Infatti  Vincent all’inizio può sembrare tutto meno che un santo: beve, gioca d’azzardo, frequenta prostitute e nel rapportarsi con le persone esprime un notevole senso di cinismo e misantropia. Tuttavia, come scopre Oliver, Vincent non è solo questo ma anche altro. Infatti in Vietnam riuscì a salvare alcuni commilitoni in pericolo di vita, e, nonostante le sue difficoltà, cerca di aiutare una prostituta russa quarantenne rimasta incinta e continua a visitare sua moglie, malata di Alzheimer e ricoverata in una casa di riposo, e a cambiarle il bucato nonostante lei non lo riconosca più. In più, dopo aver conosciuto Oliver, diventa per lui una sorta di figura paterna tanto da insegnargli a difendersi e a farsi rispettare dai compagni di classe che lo maltrattavano. Queste qualità, per Oliver, rendono Vincent un vero santo, tanto che Oliver lo proclama tale. Infatti Vincent, nonostante i suoi difetti, cerca di fare del suo meglio per le persone a lui care e questo fatto, pur non cambiando il mondo in larga scala, ci insegna che possiamo fare qualcosa nel nostro piccolo per migliorare la vita di chi ci circonda. Altro spunto di riflessione importante è il fatto, spesso dimenticato, che tutti i santi sono stati prima di tutto esseri umani, fatti sia di pregi che di difetti, e che forse nel mondo esistono tanti santi che, pur non compiendo imprese epocali, si impegnano per cambiare anche poco in meglio. Dario Fraschetti

Continua la lettura

CONTATTACI

Scrivici qui e ti rispondiamo per mail nel minor tempo possibile! Giovani per la Pace

Sending

©2021 LG-Design.it a theme from LG-Design

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati