Author Archive for: alessandroiannamorelli

Il papa in America: al nervo delle questioni

85

A ostacolare lo stesso “sogno” americano sono le letture infedeli di chi accetta acriticamente il dominio della finanza; di chi nomina sempre il nome di Dio invano a fini politici in quanto afferma che “la pena di morte è il riconoscimento della preziosità della vita umana”; di chi nega il cambiamento climatico; di chi grida al “socialismo” autoritario se si parla di redistribuzione della ricchezza; di chi ribadisce l’infelice “diritto ad avere armi” e a venderne; di chi critica l’accordo con l’Iran per mera contrapposizione alla persona di Barack Obama, senza conoscerne il contenuto.

Continua la lettura

Fare beneficenza non basta – sulle parole di papa Francesco

Fare beneficenza non basta - sulle parole di papa Francesco

Occorre rispondere alla domanda di solidarietà di chi ha bisogno di aiuto e di chi vuole reagire alla corruzione e abbracciare i problemi della propria città e del mondo. Occorre non sentirsi più fragili di chi è fragile veramente e chiede il nostro aiuto. Le parole di papa Francesco ci incoraggiano, perché non vanno al ribasso dei valori umani come le parole di alcuni, ma perché provengono dal Vangelo della povertà.

Continua la lettura

Un pranzo e un incontro … fuori dagli schemi

Un pranzo e un incontro ... fuori dagli schemi

Cristiana ha preso parte al pranzo che i Giovani per la Pace di Treviso hanno fatto con i rifugiati sabato 25 aprile. Condividiamo il suo racconto. Io sono Cristiana, sono venuta al pranzo per i profughi sabato ed è stata un bellissima esperienza! Io ero seduta vicino a Essen, del Pakistan, e lui ad un certo punto mi ha mostrato una fotografia dal cellulare in cui c’erano lui e la sua famiglia… Poi ha iniziato spontaneamente a raccontarmi la sua storia e, anche se non ho capito bene tutto quello che ha raccontato, mi ha colpita molto e per questo poi ho scritto questo racconto… … Ci sono persone che fanno parte della tua vita da quando nasci a quando muori, e non la cambiano minimamente. Stanno sullo sfondo, sempre lì, tanto che con il tempo ti abitui a vederle vicino a te, sai sempre dove sono quando vuoi stare o non vuoi stare con loro. Poi ci sono le persone che entrano ad un certo punto, o che restano qualche anno e poi se ne vanno; ma anche loro, per tutto il tempo che passano sul palcoscenico delle tue giornate, hanno un posto fisso da cui recitare la loro parte. E poi c’è Essen, che sale quando il sipario è già alzato e non ha un copione da recitare. Arriva con un’espressione confusa e con passo quasi esitante. È solo un ragazzo, un ragazzo timido e curioso che saluta il pubblico con lo sguardo di un vecchio e il sorriso di un bambino. Ma non ha battute pronte per cambiare il tuo spettacolo: tutto ciò che era stato progettato per lui è andato all’aria. Il suo ruolo è stato dimenticato, il personaggio è stato cancellato, le battute che avrebbe dovuto recitare non servono più. Gli hanno detto che se ne deve andare, che ormai è inutile. Essen ha bisogno di un posto, però. Non può improvvisare. È sempre stato bravo con le parole, un maestro nell’arte del divertire la gente. Ma questo pubblico non parla la sua lingua. Questo pubblico non ha voglia di ridere, non capisce cosa ci faccia un attore così diverso dagli altri su quel palco rimasto vuoto. Le lampade sono spente, ora c’è solo una fioca luce che illumina quell’angolo di palco in cui un attore fallito non riesce ad esprimere i suoi sentimenti. Poi, nel silenzio, si alza chiara e decisa la voce di Essen. Non parla la sua lingua, nemmeno quella del pubblico: parla la lingua degli uomini, parole che ognuno può capire e che sono così difficili da pronunciare, così dure da ascoltare. Le luci si alzano sulla scenografia dipinta a colori nostalgici, un lago azzurro, una spiaggia bianca; un uomo con una candida veste, in contrasto con il colore scuro della pelle, abbraccia tenamente quattro ragazzini vestiti di nero. La scena rimane un attimo sospesa nel silenzio, gli ultimi secondi per ricordare quelle vite che stanno per essere cambiate, rovinate, distrutte. Essen non ha un copione, ma ha una storia...

Continua la lettura

Veglia per i migranti a Tor Vergata, venerdì 24 aprile – #700NonSoloUnNumero

Veglia per i migranti a Tor Vergata, venerdì 24 aprile - #700NonSoloUnNumero

Tutti sono invitati questo venerdì, 24 aprile, a prendere parte alla veglia per le vittime del naufragio del 19 aprile in cui hanno perso la vita più di 700 migranti. L'appuntamento è a via di Passolombardo, 341 - Campus X dell'Università di Tor Vergata (maps), ingresso principale venerdì 24 aprile ore 19.00

Continua la lettura

Un serbatoio di umanità e di energie: un esempio da seguire

Un serbatoio di umanità e di energie: un esempio da seguire

ROMA (20-23 febbraio 2015) - Numerosi bisogni della società trovano oggi una risposta concreta grazie all’operosità degli uomini. Il volontariato, prima che attività sociale, è un percorso esistenziale all’interno degli individui, volto alla riscoperta della fragilità umana e della capacità di mettersi in gioco.

Continua la lettura

Ridatemi la pace

Ridatemi la pace

Ho mai pensato che avrei potuto iniziare la mia giornata leggendo le notizie dal fronte? Potevo mai immaginarmi di leggere ogni giorno nuovi nomi di soldati caduti del mio Paese? Mi è mai passato per la mente che avrei potuto perdere qualcuno in guerra?

Continua la lettura

Hugs for Peace

Hugs for Peace

Dai Giovani per la Pace di Anversa (Belgio): "Questa è la nostra risposta al crescente senso di paura, odio e divisione nella nostra società... Insieme nella Pace!"

Continua la lettura

Un giovane contro la corruzione

Un giovane contro la corruzione

Floribert era un giovane che voleva vivere appieno e fare cose grandi: era “fissato” con la giustizia e perciò donava la sua vita a coloro che vivevano ai margini e sempre voleva costruire la pace dove c’era un conflitto, una guerra o un semplice diverbio. Voler cambiare la realtà, diventare protagonisti del proprio tempo poteva essere forse una cosa da europei, non certo per congolesi: in Congo è pericoloso.

Continua la lettura

Un Natale Insieme e una capra di legno

Un Natale Insieme e una capra di legno

La Comunità di Sant’Egidio e la Comunità Romena di Tor Bella Monaca hanno organizzato questa domenica una festa nel segno dell’autentica cultura romena. Balli e testi tradizionali hanno divertito grandi e piccini: memorabile la capra col muso di legno!

Continua la lettura

Tor Sapienza, “Notre Amour”

Tor Sapienza,

Oggi 18, dicembre 2014, si è svolta la festa di inaugurazione della Scuola della Pace di Tor Sapienza che inizierà a gennaio. Avevamo detto: "se verranno dieci bambini sarà un successo". Si sono presentati in 30 assieme alle mamme!!! Bambini italiani e nuovi europei si sono divertiti insieme tra canti, balli e giochi natalizi. È questa la città che vogliamo costruire ed è questa la nostra risposta al disagio della periferia.

Continua la lettura

CONTATTACI

Scrivici qui e ti rispondiamo per mail nel minor tempo possibile! Giovani per la Pace

Sending

©2020 LG-Design.it a theme from LG-Design

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati