Bimbo salvato a Parigi, chi è lo Spiderman nero

Bimbo salvato a Parigi, chi è lo Spiderman nero

A Roma aiutava i senza fissa dimora con Sant’Egidio

Mamadou Gassama è un 22enne del Mali che a Parigi ha scalato quattro piani di un edificio per salvare un bambino che era finito aggrappato a una ringhiera.

Il video del salvataggio lo ha reso famoso in tutto il mondo. I Giovani per la Pace, però, hanno conosciuto Mamadou quando abitava a Roma. A Trastevere aiutava i senzatetto del centro della Comunità di Sant’Egidio in via Anicia.

L’eroismo di Mamadou sta nel non pensare solo ai propri problemi ma anche a quegli degli altri. Se uno è eroe nel quotidiano, lo è anche quando la situazione richiede un coraggio straordinario.

Per il merito del gesto, il presidente francese Emmanuel Macron lo ha ricevuto all’Eliseo. A Mamadou – ha assicurato Macron – saranno concessi tutti i documenti per rimanere in Francia in maniera regolare.

È uno dei tanti “sans papier”, come viene detto in Francia, ossia un migrante senza i documenti per soggiornare.

Una riflessione

Un magazine francese si è interrogato titolando: “Bisogna essere un eroe per essere trattati con dignità?

In questi tempi in cui i paesi europei soffrono di odio razziale, alimentato a fini politici, bisogna ripartire dalla semplice considerazione per cui “non avere i documenti” – come dicono in modo fine i francesi – non significa essere incapaci di portare un contributo positivo alla comunità che accoglie.

In Italia ancora si usa la parola “clandestino” col fine di declassare i migranti. Secondo questa parola, Mamadou è uno dei tanti “che non ci dovrebbero essere”. Se non ci fosse stato, però, quel bambino non ce l’avrebbe fatta. Non è un discorso buonista, ma è una denuncia: questo uso delle parole rischia di far dimenticare il valore di ogni singola persona, a prescindere dal colore della pelle.

Emerge una domanda di integrazione e di conoscenza di questi giovani africani pieni di buona volontà.

La notizia dell’impresa eroica ci sorprende, ma non ci sembra un caso isolato.

Di Alessandro Iannamorelli

per Giovani per la Pace

Tags:

CONTATTACI

Scrivici qui e ti rispondiamo per mail nel minor tempo possibile! Giovani per la Pace

Sending

©2020 LG-Design.it a theme from LG-Design

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati