La lettera di Vanessa: Da Nord a Sud Accogliere ed integrare: si può!

Sono Vanessa e faccio parte dei ‘Giovani per la pace’, un movimento legato alla Comunità di Sant’Egidio.  Io ed altri giovani per la Pace dal Veneto siamo appena tornati da Catania, dove abbiamo partecipato ad alcune iniziative per l’accoglienza dei migranti promosse dai Giovani per la pace della Sicilia. Abbiamo avuto così testimonianza diretta della loro mobilitazione al porto di Catania per accogliere ora gli oltre 400 migranti sbarcati sulle coste siciliane e per salutare le 49 persone che invece non ce l’hanno fatta. Questo è il loro impegno costante negli ultimi due anni.

Quelle vissute a Catania sono state giornate indimenticabili. L’evento più importante a cui abbiamo partecipato è stato “#3GiornisenzaFrontiere”, una tre giorni di giochi, dialogo e integrazione, organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio, che ha visto radunarsi centinaia di giovani, italiani da diverse parti del Paese e migranti, soprattutto africani, presenti nelle strutture di accoglienza della Sicilia.

#3GiornisenzaFrontiere ha vissuto tre momenti: il gioco, in spiaggia o per le vie della città, come si realizza tra amici; la memoria, di un Paese che non vuole dimenticare; e la preghiera, per ricordare tutte le vittime dei viaggi della speranza

Se ‘respingere è un atto di guerra’, come ha detto Papa Francesco, la #3giornisenzafrontiere ha voluto essere un atto di pace. E’ stata la chiara dimostrazione che vivere insieme, accogliendo e includendo, non solo si può ma è meraviglioso, poiché è fonte di arricchimento reciproco. Conoscersi, anche attraverso il gioco, raccontandosi e scambiandosi idee, fa sì che si possa crescere insieme, come fratelli.

Si parla di chi è “diverso da noi” come di una categoria. Noi abbiamo potuto dare un volto e un nome ai migranti che abbiamo incontrato, spesso le migliori risorse dei loro Paesi d’origine, in cerca di un futuro migliore. Abbiamo ascoltato storie dolorose di chi è passato attraverso l’inferno di sofferenze indicibili. Oggi, dopo lo sbarco, proviamo a immaginare i volti di quelle 49 persone morte, che probabilmente avevano storie simili a quelle di Felix, Waka o Omar, che abbiamo conosciuto in questi giorni. Amici che oggi ci fanno vedere il mondo con uno sguardo diverso.

Noi giovani per la pace del Veneto vogliamo che l’esperienza vissuta in Sicilia non finisca qui. Abbiamo conosciuto un volto dell’Italia che ci piace e che vorremmo venisse preso a modello. Accogliere, e commuoversi anche per le troppe morti nel Mediterraneo, è un atto di pace, ed è la strada per un mondo migliore. Questo è il nostro sogno. Partiamo da qui.

 Vanessa Pavan e i Giovani per la Pace del Veneto

 

Tags:

CONTATTACI

Serve aiuto? Inviaci una email. Ti risponderemo il prima possibile.

Sending

©2017 LG-Design.it a theme from LG-Design

Shares
Share This

Diffondi la pace

Condividi questo articolo con i tuoi amici !

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati