Crocevia

A Capodanno ho scoperto un crocevia: in una delle poche notti in cui il freddo ha toccato Roma, quest’inverno, io ho scoperto un incrocio di esistenze sospese, un rifugio caldo per chi fino a pochi mesi, settimane o giorni prima aveva una casa.

Da http://www.agoraregionelazio.it/sanita-deccellenza-allumberto-i-record-di-espianti-e-trapianti/

Da http://www.agoraregionelazio.it/sanita-deccellenza-allumberto-i-record-di-espianti-e-trapianti/

La notte di Capodanno abbiamo fatto “il giro”: abbiamo portato la cena agli amici che vivono per la strada, facendo festa e brindisi anche assieme a loro. Dal momento che alcuni pasti erano avanzati, siamo andati in esplorazione e abbiamo scoperto che nel Policlinico la sala d’attesa di notte diventa il punto d’incontro di tante storie diverse. Da luogo di attesa e di angoscia, diventa il porto sicuro per chi nelle strade dovrebbe aspettare l’arrivo dell’alba, il passaggio del freddo, sperando che la sua morsa non lo stringa per sempre, come purtroppo ancora accade anche nella nostra città. È nella sala d’attesa del Policlinico che abbiamo conosciuto Erika, che a casa non riesce a dormire da sola perché pensa al suo Mirko morto più di un mese prima proprio lì, al Policlinico. È nella sala d’attesa del Policlinico che scopriamo quanto può essere facile e banale finire per strada, come è successo a Cristiana che è venuta in Italia con la falsa promessa di un lavoro e senza i soldi per tornare in Romania dalle due figlie. È Massimo a ricordarci che tante volte è un tessuto umano disgregato, l’isolamento, a costituire la prima arma della strada: lui ci è finito perché ha litigato con la moglie e perché essendo in cattivi rapporti con il fratello non voleva farsi ospitare a casa sua. A Capodanno abbiamo scoperto un crocevia di umano che ci interroga ogni giorno. Le storie che ci hanno raccontato sono anzitutto storie di solitudine, di una società meno solidale, di famiglie e individui isolati, e tutti possiamo tutti ogni giorno combattere la solitudine, in ogni momento possiamo lavorare per ricollegare i nodi di una rete sociale (e solidale) che la diffidenza e il mito dell’autosufficienza corrodono quotidianamente. Anche questo è costruire la pace.

Elena

Tags:

CONTATTACI

Serve aiuto? Inviaci una email. Ti risponderemo il prima possibile.

Sending

©2017 LG-Design.it a theme from LG-Design

Shares
Share This

Diffondi la pace

Condividi questo articolo con i tuoi amici !

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati