La “guerra tra poveri”: un falso d’autore

Pubblichiamo una risposta scritta da alcuni giovani “nuovi europei”, studenti di lingua italiana, alla lettera dei rifugiati di Tor Sapienza

letterapng

Siamo un gruppo di studenti provenienti da vari paesi del mondo, che ogni settimana si riunisce nei locali della Comunità di Sant’Egidio per studiare e crescere insieme. Ci piace essere “Giovani per la Pace” perché, accanto alla cultura scolastica italiana, vogliamo costruire una cultura di pace e di convivenza tra genti diverse per quella che – ormai – è diventata anche la nostra città.

Per questo noi, studenti ed insegnanti vogliamo siamo solidali e vicini a coloro che sono stati colpiti dai fatti successi a Tor Sapienza.

 Siamo veramente molto amareggiati per quanto accaduto.

Ci sentiamo molto vicini a voi tutti, in particolare a chi sappiamo stava facendo un percorso di studio e formazione.

Con voi condividiamo l’impegno per lo studio e per la crescita culturale nella convinzione che attraverso questi pacifici strumenti possiamo costruire un futuro di bene in un nuovo paese.

Hanno detto che nelle periferie di Roma c’è una “guerra tra poveri”. Non solo è falso ma è anche una calunnia, perché non si possono dare sempre le colpe ai poveri e ai deboli, soprattutto quando sono loro ad essere aggrediti. E soprattutto come si fa a definire un’aggressione, dove c’è chi colpisce e chi subisce senza reagire e senza aver fatto nulla una “guerra”?

Gli aggressori non erano “i poveri della periferia” e la maggior parte di loro non era nemmeno di Tor Sapienza

Ne abbiamo parlato fra di noi e abbiamo capito che sono stati gli interessi di alcuni singoli che hanno generato tanta violenza.

Vogliamo allora dirvi ancora di non scoraggiarvi e di non rassegnarvi perché avete persone amiche che vi sono vicine.

A voi tutti vanno la nostra solidarietà ed il nostro affetto.

Tags:

CONTATTACI

Serve aiuto? Inviaci una email. Ti risponderemo il prima possibile.

Sending

©2017 LG-Design.it a theme from LG-Design

Shares
Share This

Diffondi la pace

Condividi questo articolo con i tuoi amici !

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati