“Io rom romantica”, sognando il grande cinema

rom-romantica

Un’affettuosa ironia è l’accento del film, come ben riassume la regista Laura Halilovic, 25enne di origini rom, alla sua prima grande opera cinematografica. È la prima commedia che parla di una ragazza rom, in modo sincero, in quanto è netta la traccia autobiografica della regista vissuta a Torino e che, scontrandosi con i tradizionalismi della cultura rom e noncurante dei pregiudizi, segue il proprio sogno: il cinema. E non un cinema qualsiasi: quello di Woody Allen, un artista schietto, che rileva sempre punti critici della società occidentale, senza moralismi, ma con ironia. A suo modo, il regista statunitense ha dato la sua benedizione artistica al film, andando oltre il livello della citazione – ma si lascia la scoperta allo spettatore. Il lungometraggio, presentato al Giffoni Festival, è stato riconosciuto come film di interesse culturale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

La protagonista, come la regista, fa scelte molto determinate nella storia: non vuole fare il documentario noioso, vuole una storia; preferisce non guardare film che parlano di rom da una prospettiva esterna e distorta, ma preferisce ispirarsi a Manhattan di Woody Allen.
Il ruolo di Gioia, la protagonista, è impersonato da Claudia Ruza Djordjevic, trovata dalla regista nel campo di via di Salone, a Roma: ha subito colpito la Halilovic e lo spettatore può capire da sé i motivi. Come afferma la regista, nelle litigate con il padre è determinata, testarda e molto credibile. È questo infatti il primo scontro con i tradizionalismi della cultura rom: le donne devono indossare la gonna lunga e non i pantaloni, devono sposarsi e farsi sostenere dal marito e non devono farsi influenzare troppo dai modi dei gagè (i non rom). Il film riesce con accenni veloci e, ripetiamo, affettuosa ironia a mostrare i passaggi generazionali e l’adattarsi di una forte cultura e tradizione ai diversi cambiamenti: un popolo diventato stanziale da più di una generazione e che crea legami con i gagè. Le forti tradizioni, che poi si adattano come nella vita della regista, sbiadiscono di fronte al razzismo, costruito o meno, che emerge da solo con la propria ingiustizia e ridicolezza.
Nessun tema della trama prevarica sull’altro: l’amore, la passione per il cinema, lo scontro con la tradizione, la centralità del matrimonio per una ragazza rom, il confronto tra culture.
La sensazione è quella di guardare uno spaccato di quotidianità, nella periferia di Torino, Falchera, in cui la forza d’animo di Gioia cambia le regole del gioco.

Alessandro Iannamorelli

CONTATTACI

Serve aiuto? Inviaci una email. Ti risponderemo il prima possibile.

Sending

©2017 LG-Design.it a theme from LG-Design

Shares
Share This

Diffondi la pace

Condividi questo articolo con i tuoi amici !

or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Registrati